Nata grazie al programma televisivo “Amici”, Alessandra Amoroso è una grande cantante che ogni volta fa cantare molte persone insieme a lei.

Un’artista con un grande talento ha però passato dei momenti bui nella sua vita privata, ma non per questo si è fermata e ha abbandonato il mondo della musica, al contrario, si è lasciata coinvolgere, ha sperimentato, ha lavorato con molti altri cantanti diversi per non cadere mai e mostrarsi debole.

Questo è uno dei motivi per cui ha scritto “Bellezza, incanto e nostalgia” per dare un sostegno sotto forma di musica che può arrivare dritto al cuore e aiutare a rialzarsi.

Vediamo quindi qual è il significato nascosto in questa sua opera musicale e il testo originale della canzone.

Significato della canzone

Questa bellissima canzone di Alessandra Amoroso è stata scritta insieme ad un’altra artista che l’ha aiutata e ha collaborato con lei per la realizzazione del testo e del componimento musicale, questo altro cantante è Tiziano Ferro.

Il significato dell’opera musicale lo si può capire ascoltando la canzone oppure leggendo e interpretando il testo, il fatto poi che è in un album chiamato “Amore puro” può aiutare a capire il messaggio nascosto, Alessandra parla di un amore che prima c’era e poi non più, dei momenti bellissimi passati insieme.

Aggiunge anche vari viaggi fatti insieme, che prima era felice insieme ad una persona che l’amava e la rispettava, insieme hanno creato varie esperienze e ora che tutto è finito sono subentrati i rimorsi, la malinconia e la tristezza che può provocare l’assenza di una persona.

La perdita degli ex fidanzati è un dolore che a volte non si riesce a superare, nemmeno da soli, per questo il messaggio anche del video è quello di circondarsi di amici veri che sappiano come distrarre e aiutare a superare un dolore del genere.

Anche se la persona in questione non fa più parte della vita che insieme hanno immaginato, è lo stesso un momento di lutto e non sempre si è più la stessa persona di prima.

Ma Alessandra racconta che, sia da sola che insieme alle persone che le sono rimaste accanto, è riuscita a superare questa fase e ora si sente meglio di prima e pronta a ricominciare a lavorare ed amare altre persone che presto o tardi incontrerà nella sua vita e forse riuscirà ad avere una seconda possibilità con l’amore.

Nelle interviste televisive e anche in quelle dei giornali, lei parla proprio di questo, della sua storia finita male, del periodo passata da sola ma che alla fine ha trovato la giusta forza per trarne ispirazione da questa strana esperienza e crearci una canzone che può essere presa d’ispirazione anche da altre ragazze che hanno passato, e stanno passando, un periodo di distacco dal proprio amore.

Testo

Di quei cento giorni ancora mi ricorderò

Che nonostante il mal di testa stavo lì

Maledetta la tempesta e maledetta me

Svegliata di notte,

Nel buio dell’attesa

Le mie speranze navigavano la via

Sulle note di quella canzone

Scritta da noi due,

Rimirando all’alba un’emozione

Che non perderò mai più

Confondo bene e male, mai più

Confondo terra e mare

Salutando I gesti di un passato

Negato all’allegria

Sotto l’ombra riparata di una barca

A dirsi addio

Mi culla ciò che poi sarà

Bagnato di malinconia

Bellezza, incanto e nostalgia

Mi perdo nell’ostilità

Che non mi ha fatto stare lì

E mi ha costretta a dire addio

Io chiudevo le porte,

Paure e fremito

Cantavo più forte

Per fermarti e averti qui

Sulle note della tua canzone

Dedicata a me

Che suona nel tuo cuore

Nella culla del passato

E ci scoprimmo a quel bagliore

Chissà se rivedrò mai più

Se solo avessi avuto più carattere e follia

La tua voce ora sarebbe ancora mia

Mi culla ciò che poi sarà

Bagnato di malinconia

Bellezza, incanto e nostalgia

Mi perdo nell’ostilità

Che non mi ha fatto stare lì

E mi ha costretta a dire addio

E mi ha costretta a dire addio

E ricordi fari e fuoco

E sabbia che calpesterai

Dimmi una bugia però non dirmi che ti volterai

Ti racconto storie di passioni e giochi persi ormai

Sappi amore mio che se potessi non ti lascerei

Mi culla ciò che poi sarà

Bagnato di malinconia

Bellezza, incanto e nostalgia

Mi perdo nell’ostilità

Che non mi ha fatto stare lì

E mi ha costretta a dire addio