Lo stress è parte integrante dello stile di vita frenetico dell’uomo moderno, il corpo aumenta i livelli di cortisolo “l’ormone dello stress”, in risposta a un’eccessiva restrizione calorica, alla vita movimentata e alle tensioni psicologiche, tipiche dei soggetti ansiosi. Lo stress, a seconda dell’organismo, può fare dimagrire o aumentare il peso corporeo, fino a portare a delle vere e proprie patologie, per cui è necessario intervenire con l’aiuto di uno specialista. 

Nei casi in cui si verifichi un aumento eccessivo del peso, può essere necessario dovere intervenire sul proprio stile di vita, andando a modificare quelle che sono le abitudini alimentari in favore di un piano alimentare personalizzato, stabilito con l’aiuto di un esperto. Questo può anche consigliare l’assunzione come supporto al regime alimentare, di integratori alimentari naturali come nel caso di Ketolight Plus.

Lo stress fa ingrassare? Cosa fare?

Lo stress stimola l’appetito e questo meccanismo serve per integrare le energie perse a seguito di un evento stressante. Il cortisolo da una parte stimola la fame ma dall’altra aumenta la glicemia che combinata con altri fattori può non consentire all’organismo di gestire correttamente i carboidrati.

Uno stress cronico può portare a una distribuzione del grasso nella zona addominale che può fare aumentare l’infiammazione e predispone al rischio di malattie cardiovascolari e metaboliche. Per questo motivo, è importante rivolgersi a uno specialista che possa guidare verso un percorso finalizzato al dimagrimento e che possa anche consigliare, laddove necessario l’assunzione di integratori.

Molti esperti consigliano ai propri pazienti l’integratore naturale Ketolight Plus, un innovativo supporto alimentare che sta riscuotendo grande successo anche tra gli acquirenti. Il successo commerciale di questo prodotto, acquistabile direttamente sul suo sito ufficiale, è dovuto alla sua formulazione interna naturale come affermato dall’azienda produttrice, che sembra essere in grado di apportare dei possibili effetti benefici sull’organismo.

Quali sono gli effetti dello stress sull’organismo?

Lo stress genera uno scompenso generale nell’organismo che può tradursi in aumento di peso, dimagrimento eccessivo in alcuni e aumento del volume della pancia e intestino gonfio. L’intestino contiene circa 2kg di batteri che costituiscono la flora batterica intestinale, chiamata “microbiota”, indispensabile per un corretto funzionamento del tratto digerente. Le sostanze che il nostro organismo non è in grado di digerire vengono metabolizzate da questi batteri mediante un processo di fermentazione, una reazione che tra i prodotti vede l’anidride carbonica e l’idrogeno, due composti gassosi.

Una flora batterica alterata è il risultato di abitudini alimentari che vedono un consumo eccessivo di grassi, proteine e scarsa quantità di fibre. Ciò può anche essere dovuto a infezioni, all’utilizzo di alcune tipologie di farmaci, e allo stress, tutti elementi che possono favorire lo sviluppo di ceppi batterici dannosi per l’intestino responsabili di malattie infiammatorie e del diabete. Quando qualcosa a livello intestinale non funziona bene, lo si può notare dalla pancia gonfia, da un cattivo assorbimento o da dolori addominali.

Cortisolo e aumento del peso

Il cortisolo è uno dei responsabili dell’aumento del peso eccessivo o cronico, perché si tratta di uno degli ormoni che può influenzare l’appetito a livello dell’ipotalamo. Qui, nel sistema nervoso centrale ci sono due ormoni: quello della fame e della sazietà. Quando questo sistema funziona correttamente c’è una regolazione dell’assunzione del cibo che porta a mantenere lo stesso peso per lungo tempo.

Nella società moderna, purtroppo in commercio si trovano sempre più alimenti ricchi di grassi e zuccheri che creano una sorta di dipendenza per l’organismo, che spinge al consumo anche quando non si ha realmente fame, ma solamente per il puro senso di piacere che ne deriva dal consumo.

Questo meccanismo è spinto non solo da emozioni negative ma anche dallo stress cronico, in quanto si instaura una dipendenza dal cibo, dalla quale è difficile smettere se non con una grande forza di volontà. Il cortisolo, in questo modo si può dire responsabile dell’aumento del peso, in quanto può spingere a mangiare più alimenti grassi e zuccherini, eccedendo rispetto al proprio fabbisogno calorico e aumentando di peso.

Tensione nervosa e ansia da stress: possibili rimedi

In caso di stress, tensione nervosa e ansia è bene parlarne con il proprio medico in modo da intervenire tempestivamente ed evitare così che possano svilupparsi patologie a carico del metabolismo e del cuore. Il nostro organismo necessita di un equilibrio calorico, che solo una corretta alimentazione e uno stile di vita sano può dare. Gli esperti infatti, consigliano:

  • di evitare di seguire regimi alimentari troppo drastici, diete fai da te ma di rivolgersi al proprio medico per avere un piano alimentare personalizzato a seconda delle proprie necessità;
  • di ridurre il volume e l’intensità degli allenamenti per non aumentare eccessivamente la produzione del cortisolo e non sovraccaricare il sistema nervoso. Praticare attività sportiva fa bene al nostro organismo ed è un ottimo coadiuvante dell’alimentazione, ma non bisogna esagerare;
  • di praticare attività che possano aiutare a favorire un recupero psicofisico come yoga, tecniche di meditazione;
  • di evitare il consumo di sostanze stimolanti come caffè, guaranà, tè, termogenici, sinefrina;
  • di dormire e riposarsi bene;
  • di chiedere consiglio al proprio medico per eventuali terapie farmacologiche mirate.