La lingua italiana è arrivata fino ai giorni nostri dopo molti cambiamenti e anche sostituzioni di lettere in una parola oppure si è cancellata dall’uso parlato e scritto.

Il latino infatti è una lingua morta ma è una delle più importati perché l’evoluzione dell’italiano di adesso deriva proprio da questa lingua, molti infatti sono gli scritti latini nei monumenti o nei libri antichi e anche quelli scolastici.

Ogni giorno usiamo termini che vengono dal latino, ma in altre occasioni molte parole provengono da altre lingue come Disguido, questa parola la usiamo spesso nel parlato e non proviene dalla lingua latina, nemmeno quella greca.

Vediamo infatti l’etimologia di questa parola entrata a far parte nel nostro dizionario da molto tempo, il significato vero, quando la si usa e quali sono i suoi sinonimi più importanti.

Significato

La parola “disguido” è un sinonimo maschile che proviene dalla terminologia spagnola descuido che significa a sua volta «trascurataggine», è un termine a cui si fa riferimento quando sovviene un errore nella comunicazione verbale o scritta tra due o più persone.

Inoltre viene usato anche quando viene fatto riferito ad errori nell’istruzione, nell’amministrazione e altro.

Utilizzo del termine

Questa parola viene usata molto spesso quando non si trova un punto d’incontro nella comunicazione di due o più persone, quando non si riesce a capire un punto in una comunicazione scritta perché l’autore ha scritto in un modo difficile e pensava che le altre persone capissero il significato vero e invece risulta il contrario.

Si può usare anche come imprevisto, incidente che ha influito in modo negativo l’andamento di un compito e non si è riuscito a terminarlo per via della non comunicazione o di una sbagliata.

Anche con uno scambio di informazioni verbali tra persone può avvenire un disguido perché non si capisce l’argomento di cui si sta parlando o perché il tema dal discorso è cambiato, mentre una persona riesce a fare vari collegamenti che sono lineari per lui mentre per gli altri no.

Anche in un’assemblea tra soci potrebbe succedere un disguido per come stanno svolgendo la loro attività e uno di loro non sanno come risolvere un problema mentre per gli altri la soluzione è palese.

In questi casi bisogna riuscire a far capire agli altri il proprio punto di vista per evitare che tutti capiscano e non ci siano problemi.

Sinonimi

I sinonimi che si possono usare al posto del termine disguido sono i presenti: errore, equivoco, fraintendimento, discomunicazione, non comunicazione e malinteso.